ex-Facoltà di Scienze MM. FF. NN.
Università degli studi di Padova
Dettaglio Insegnamento

Organizzazione della didattica

DM270 CHIMICA INDUSTRIALE
Chimica analitica 2 (Mod. B)
ANALYTICAL CHEMISTRY 2 (MOD. B)
4
Corsi comuni
frontali esercizi laboratorio Studio individuale
ORE: 0 0 64 36

Frequenza

Obbligatoria

Erogazione

Convenzionale

Lingua

Italiano

Periodo

AnnoPeriodo
III anno1 semestre

Calendario attività didattiche

InizioFine
18/10/201005/02/2011
tipologiaambitosettorecrediti
caratterizzanteDiscipline chimiche analitiche e ambientaliCHIM/014


Responsabile Insegnamento

ResponsabileSSDStruttura
Dott. BADOCCO DENISCHIM/01Dipartimento di Scienze Chimiche

Altri Docenti

Non previsti.

Attività di supporto alla didattica

Non previste.

Bollettino

Dipartimento di Scienze Chimiche.


Acquisire la manualità connessa all’utilizzo delle principali tecniche strumentali di laboratorio con determinazioni analitiche di interesse teorico, ambientale ed industriale; trattamento dei dati analitici.

Chimica analitica I.

Adeguate conoscenze dei contenuti dei corsi di Chimica generale ed inorganica e laboratorio, Fisica generale I e II.


Italiano



Il corso di Chimica Analitica II mod. B si propone di completare la parte teorica, svolta nel modulo A del corso, con una parte pratica, volta all’utilizzo della strumentazione connessa con le principali tecniche analitiche. L’intento è di illustrare e far acquisire la parte pratica di questa disciplina. Vengono proposte varie tecniche analitiche strumentali applicate ad analisi di tipo alimentare, ambientale ed industriale. In particolare per quanto riguarda le tecniche separative, la gascromatografia (GC), la cromatografia liquida (HPLC) e la cromatografia ionica (IC). Nell’ambito delle spettroscopie, la spettrofotometria Uv-Vis. e la spettroscopia di assorbimento atomico. In ambito elettroanalitico la potenziometria con l’uso di elettrodi iono-selettivi. Le analisi sono prevalentemente di tipo quantitativo con l’uso di retta di taratura o del metodo delle aggiunte standard e/o dello standard interno. È prevista la valutazione di eventuali effetti matrice. Inoltre il corso si propone l’acquisizione dei principali strumenti statistici volti alla valutazione del dato analitico ottenuto. In particolare definizione e distribuzione dell’errore, accuratezza, precisione, intervallo di confidenza del dato ottenuto, tests statistici per la ricerca di dati anomali (outliers) e per il confronto di metodi di analisi.

Saranno indicati all'inizio del corso.
Aggiornata il 28/05/2013 15:30
N. 10674219     dal 20.07.2007