ex-FacoltÓ di Scienze MM. FF. NN.
UniversitÓ degli studi di Padova
Dettaglio Insegnamento

Organizzazione della didattica

DM270 BIOLOGIA MOLECOLARE
Rischi da agenti chimici, fisici e biologici
RISKS BY CHEMICAL, PHYSICAL AND BIOLOGICAL AGENTS
6
Corsi comuni
frontali esercizi laboratorio Studio individuale
ORE: 48 0 0 102

Frequenza

Obbligatoria

Erogazione

Convenzionale

Lingua

Italiano

Periodo

AnnoPeriodo
III anno3 trimestre

Calendario attivitÓ didattiche

InizioFine
06/04/200912/06/2009
tipologiaambitosettorecrediti
a scelta Nessun ambitoMED/446


Responsabile Insegnamento

ResponsabileSSDStruttura
Prof. TREVISAN ANDREAMED/44DIPARTIMENTO DI MEDICINA MOLECOLARE

Altri Docenti

Non previsti.

AttivitÓ di supporto alla didattica

Non previste.

Bollettino

Informazioni in lingua non trovate

Informazioni in lingua non trovate

Fornire le basi e le necessarie conoscenze per comprendere i meccanismi biologici alla base degli effetti per la salute dell'uomo causati dagli agenti di natura chimica, fisica (radiazioni elettromagnetiche e corpuscolate) e biologica.



generalmente orale

Italiano

Informazioni in lingua non trovate

Informazioni in lingua non trovate

1. Introduzione al corso con illustrazione degli obiettivi e del programma. Le funzioni, gli interesse e gli obiettivi della Prevenzione 2. Illustrazione della legislazione e delle normative nell'ambito della prevenzione dei rischi 3. Definizione di agente in base alle normative vigenti 4. La prevenzione primaria, la prevenzione secondaria, la prevenzione terziaria. L'etichettatura delle sostanze chimiche 5. Definizione di pericolo e di rischio. Il principio di precauzione 6. Il concetto di dose, di effetto e di limite. Come si arriva alla definizione dei TLV (valori limite di soglia) e come si applicano 7. Concetti di farmacologia generale: la farmacocinetica (assorbimento, distribuzione, metabolismo ed escrezione). L'interazione tra le sostanze xenobiotiche 8. Il monitoraggio biologico delle sostanze xenobiotiche: la dose, l'effetto e la suscettibilitÓ individuale. La genetica e la prevenzione dei rischi 9. La tossicitÓ e il monitoraggio biologico dei metalli 10. La tossicitÓ e il monitoraggio biologico dei solventi alifatici (alcani e alcheni) e aromatici 11. La tossicitÓ e il monitoraggio biologico degli alcoli, dei chetoni, delle amine e delle amidi 12. La tossicitÓ e il monitoraggio biologico di altre sostanze tossiche non classificabili sotto le precedenti 13. La tossicitÓ e il monitoraggio biologico degli anestetici per inalazione 14. La tossicitÓ dei pesticidi 15. Gli agenti cancerogeni: definizione in base alla normativa Europea, agli igienisti Americani (ACGIH) e all'Agenzia Internazionale per il Cancro di Lione (IARC) 16. Genotossicologia (tipologia di danni genetici, mutazioni, influenza dei polimorfismi) e tossicitÓ dello sviluppo (malformazioni e deformazioni, organogenesi) 17. I rischi di natura fisica: le radiazioni ionizzanti corpuscolate ed elettromagnetiche. Definizione, unitÓ di misura, effetti somatici e stocastici 18. I rischi di natura fisica: le radiazioni non ionizzanti: dalle radiazioni nello spettro dell'infrarosso alle ELF (extremely low frequency). Definizione, effetti per la salute 19. Lĺergonomia e il lavoro al videoterminale 20. I rischi di natura biologica: batteri, virus, funghi e parassiti. Le malattie trasmesse da zecche. Le malattie prioniche

A. Trevisan: I rischi da agenti chimici, fisici e biologici. Edizioni Libreria Progetto, Padova, 2007
Aggiornata il 28/05/2013 15:30
N. 10674219     dal 20.07.2007